Salta navigazione.
Home
sito repubblicano nella sinistra

Testamento biologico e fine vita

Proponiamo uno scambio fra Bersani e Formigoni che chiarisce in poche battute la materia del contendere.

Veronesi : vivere è un diritto non un dovere

VERONESI VIVERE E' UN DIRITTO NON UN DOVERE : Prendendo spunto dal caso Lizzani l' oncologo ed ex ministro della sanità del governo Prodi Umberto Veronesi ha preso una posizione molto netta sul problema del fine vita. In una intervista lla stampa infatgti tra l' altro ha dichairato : " in Italia, e anche in molte parti d’Europa, il diritto di morire con dignità è una conquista ancora da fare,. Non è possibile immaginare Mario Monicelli che si alza dal letto di un ospedale, che apre la finestra e si butta giù o i tanti che lo fanno senza avere titoli di giornale. Ci sono mille modi di interrompere la propria vita più serenamente. E’ necessario avviare un dibattito serio"

......
«Abbiamo 3mila suicidi in Italia, tutti purtroppo tragici. La maggior parte si impiccano o si buttano giù dalla finestra. Sono un po’ di meno quelli che si asfissiano con il gas perché è un’operazione lunga, complessa. Ancora di meno quelli che usano i barbiturici perché spesso non funzionano. Rari quelli che si ammazzano con un colpo di pistola perché le armi non si trovano facilmente. È un insieme di vicende tragiche su cui dovremmo ricominciare a riflettere. Se si è stanchi di vivere si ha anche il diritto di andarsene, la vita è un diritto ma non un dovere. Nessuno può toglierti la vita, ma decidere di troncarla da soli è un diritto».

http://www.lastampa.it/2013/10/07/societa/veronesi-il-caso-lizzani-la-vita-un-diritto-non-un-dovere-BRb2GhGuwP9Xqatnil8UwI/pagina.html

Ignazio Marino sull' apertura in tema di testamento biologico

 

 

 

Biotestamento, cambia la legge

Stop nutrizione forzata se non efficace

 

La commissione Affari sociali della Camera ha dato l'ok all'emendamento che modifica la legge sul biotestamento nella parte dedicata all'alimentazione artificiale. In base al nuovo testo si deve procedere alla nutrizione artificiale "fino al termine della vita", con l'eccezione dei casi in cui il trattamento non sia più efficace per mantenere le "funzioni fisiologiche essenziali". L'opposizione ha dato parere contrario, a parte Paola Binetti.

Alimentazione e idratazione "devono essere mantenute fino al termine della vita ad eccezione dei casi in cui le medesime risultino non piu' efficaci nel fornire al paziente i fattori nutrizionali necessari alle funzioni fisiologiche esenziali del corpo".

 

http://www.tgcom.mediaset.it/politica/articoli/articolo474771.shtml

Il centro destra avrebbe fatto un' "apertura"  , Ignazio Marino spiega di che si tratta

http://www.asca.it/news%2dBIOTESTAMENTO__MARINO_PD__DA_DESTRA_NESSUNA_APERTURA__SOLO_OVVIETA_%2d896544%2dPOL%2d.html