Salta navigazione.
Home
sito repubblicano nella sinistra

UN VIDEO DEDICATO ALLE PAROLE DI UN VESCOVO

iL Vescovo emerito di Otranto ha pronunciato questo pensiero 

Purtroppo i tempi sono radicalmente cambiati e direi in peggio, con donne spesso ribelli nel nome di un femminismo esagerato, che pretende di cambiare il corso della natura e della storia. Non lo dico io, ma San Paolo: la donna sia sottomessa al marito che rimane pur sempre il capo della famiglia non per capriccio, ma per rispetto di un ordine costituito.

http://www.unita.it/index.php?section=news&idNotizia=99428

 

Le sue parole ci hanno fatto venire in mente un brano di un film degli anni 70 : i nuovi mostri  con un magistrale Gassman

 

Bagnasco continua a giudicare i gay

 

L' amico Castruccio qualche mese fa ricordava come il "Chi sono io per giudicare " di Papa Francesco non entrasse nella testa del Presidente della CEI Bagnasco. La situazione non migliora: il porporato ha inaugurato la sessione della conferenza che presiede , con l' ennesimo attacco alle "nuove familgie ", definite cavalli di Troia , tutti interpretato come un altolà ai matrimoni gay, sottolineando che i bimbi hanno diritto ad una mamma ed un papà. Fortunatamente non ha aggiunto purchessia, anche senso sembra essere quello. Comunque sembrerebbe rivolgersi più al tema delle adozioni che al riconoscimento delle famiglie , (normalmente dalle famiglie gay non scaturiscono figli naturali) Che i figli non sono al servizio del desiderio degli adulti, non possiamo che convenire  , allora forse bisognerebbe dire che è necessario che hanno diritto ad essere affidati a chi li può educare e amare , il sesso e il vincolo giuridico degli affidatari dovrebbe essere un elemento secondario.

http://www.corriere.it/cronache/14_novembre_10/bagnasco-figli-hanno-diritto-un-papa-una-mamma-208ef256-68eb-11e4-aa33-bc752730e772.shtml

Il parroco, i conviventi e gli assassini

 

Continuiamo l' escursus su alcune prese di posizione alquanto imbarazzanti da parte di esponenti del mondo ecclesiastico . Qui si tratta del parroco di cameri , cittadina di una decina di migliaia di abitanti nella ricca provincia di Novara.Il Parroco , don Tarcisio Vicario, ha ssotenuto che un omicdio è un  «peccato occasionale» dal quale ci si può emendare «attraverso un pentimento sincero e il proposito vero e fermo di allontanarsi dal peccato». Diversa invece la condizione di chi «si pone al di fuori del sacramento contraendo il matrimonio civile e vive in una infedeltà continuativa». In questo ultimo caso, infatti, non si tratta di un peccato occasionale ma di un «peccato grave» e anche «mortale». La linea è questa: se convivi o se ti sposi civilmente vivi in uno stato di peccato grave e mortale. E quindi non puoi, ad esempio, «fungere da padrino e madrina» perché «non sei in grazia santificante» e «non puoi assumere l’onere e l’onore di insegnare al figlioccio la corretta via cristiana visto che tu, per primo, ti sei smarrito»

http://www.ilvenerdiditribuna.it/cronaca/convivere-peggio-uccidere-scrive-parroco-cameri-tarcisio-vicario/

Ad onor del vero bisogna anche dire che un periodico cattolico importante coem famiglia Cristiana ha definito quella posizione una scemenza

http://www.ilvenerdiditribuna.it/cronaca/famiglia-cristiana-parole-don-tarcisio-vicario-parroco-di-cameri-una-scemenza/

Ma giustamente il sito che abbiamo citato vorrebbe un intervento più ufficiale da parte della gerarchia

 

Castruccio su Bagnasco

 
 
Da un bel Florilegio della settimane dell' amico Castruccio un commento sull' ultima uscita del cardinal Bagnasco
L’ultima del cardinal Bagnasco - 1

Il Cardinal Bagnasco presidente in uscita della CEI, sembra che non stia simpatico a papa Francesco,  ha deciso di impicciarsi della questione italiana e quindi in un fiat (che non è la fabbrica di automobili americana ma espressione latina che significa “sia”, nel senso di verbo) ha deciso di benedire il governo Renzi che come boy scout ed ex democristiano ha senz’altro apprezzato. Dopo di che ha detto che bisogna tagliare sprechi e burocrazia che infatti in Vaticano è tutto velocissimo e sprechi non ce ne sono. Per questo si dice che papa Francesco stia facendo pulizia.

L’ultima del cardinal Bagnasco - 2

Per non farsi mancare nulla, anche se sarà l’ultima volta, il cardinal Bagnasco ha voluto intervenire sul bullismo omofobo nelle scuole. L’ha fatto spalleggiato dal direttore di l’Avvenire, che è un suo dipendente: L’Avvenire è di proprietà della Cei. Si verifica curiosamente la stessa situazione che c’è tra il Giornale e la famiglia Berlusconi. Comunque il cardinale ed il suo fido scudiero si sono scatenati contro l’educazione alla diversità nelle scuole. Ovvero spiegare ai bambini che i gay e le lesbiche e magari pure i transgender sono persone come tutti. Magari al cardinale converrebbe ricordare cosa disse a tal proposito  papa Francesco «chi sono io per giudicare » Già chi sono il cardinal Bagnasco e il fido direttore dell’Avvenire per giudicare?

http://ilvicarioimperiale.blogspot.it/2014/03/pillole-circoncise-della-quarta.html

Card Bagnasco: lotta al bullismo omofobo? è contro la famiglia

Questa volta commentiamo il pensiero del Presidnete della CEI, card Bagnasco

L' alto Prelato è scandalizzato per dei libretti che in applicazione di un provvedimento del governo Monti

circoleranno nelle scuole . I libretti porterebbero alla dittatura di genere (ovviamente omossessuale) 

“instillano preconcetti contro la famiglia e la fede religiosa”.

a cosa c'è scritto nei libretti ?

 Lo scopo è avere un manuale contro il bullismo che si accanisce contro i “diversi” tanto che a pagina 18   c’è un vero e proprio manifesto scolastico contro il bullismo. “Bisogna che l’insegnante riveda la scheda sul bullismo. È importante, inoltre, che l’insegnante sia molto chiaro e deciso nello spiegare ai suoi studenti i seguenti punti: la scuola non tollera questo tipo di comportamenti. Il bullismo è sbagliato. Prendere in giro, minacciare, picchiare qualcuno, farlo sentire escluso, perché è grasso, perché è un “secchione”, perché è diverso da noi, perché pensiamo che sia omosessuale, è sbagliato. Ognuno ha diritto di essere com’è, ognuno ha qualcosa da insegnarci. Quanto più qualcuno è diverso da noi, tanto più ha da insegnarci. Essere bulli non è “figo”, è stupido”.

no comment

http://triskel182.wordpress.com/2014/03/26/bagnasco-ordina-al-ministro-via-quel-libretto-da-scuola-valerio-cattano/

 

Il Papa : largo alle donne senza esagerare

Il Papa ha fatto importanti dichiarazioni sul ruolo della donna nella chiesa e nella società , si è però affrettato a specificare "Se però deve crescere il ruolo della donna nel lavoro e nella società, allo stesso tempo deve considerarsi "insostituibile" la sua presenza nella famiglia, "a questo punto - viene spontaneo chiedersi: come è possibile crescere nella presenza efficace in tanti ambiti della sfera pubblica, nel mondo del lavoro e nei luoghi dove vengono adottate le decisioni più importanti, e al tempo stesso mantenere una presenza e un'attenzione preferenziale e del tutto speciale nella e per la famiglia?". La risposta, per Bergoglio, deve essere rintracciata nel "campo del discernimento che, oltre alla riflessione sulla realtà della donna nella società, presuppone la preghiera assidua e perseverante".

Senza voler sminuire talune novità che emergono dal messaggio del nuovo Papa appare evidente la sottolineatura che i problemi di conciliare un ruolo importante nelal società e nella famiglia siano un problema solo, o principalemtne delle donne. Il che  è assolutamente provato nell' attuale società , nelle parole del Papa però questo pare un dato immutabile , tutto al più attenuabile , tra l' altro , con "la preghiera assidua e perseverante". Su quest' ultimo punto come strumento alternativo o integrativo delle poltico di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro per le donne , chi scrive , doverosamente non si pronuncia

http://www.repubblica.it/esteri/2014/01/25/news/papa_pi_spazio_a_donne_in_chiesa_e_societ-76898990/?ref=HREC1-13

.

il parroco e il rock peggio della mafia

Questa volta non abbiamo un vescovo ma un parroco, che però ha trovato i suoi 5 minuti di celebrità in occasione del concerto di Marilyn Manson a Bologna . Considera il cantate rock come adoratore di Satana e i satanisti sono peggio dei mafiosi e dei terroristi , poi se la prende anche con John Lennon , i Pink Floyd, gliEagles ... e Tiziano Ferro (!?!)

I satanisti sono peggio dei mafiosi»
La veglia anti-Marilyn Manson

Un'ottantina di persone ha partecipato alla funzione. Don Giulio se la prende anche con John Lennon, Led Zeppelin e Tiziano Ferro

BOLOGNA - «Essere satanisti è peggio di essere mafiosi o terroristi, perché nella vita si può sbagliare ma scegliere di adorare il male è l’errore peggiore». Non solo preghiere, ma anche parole forti per riparare «all’adorazione di Satana» andata in scena ieri sera all’Unipol Arena di Casalecchio. Le ha scelte Don Giulio Marra, sacerdote della comunità «Nuovi orizzonti», arrivato sotto le Due Torri per parlare di rock maledetto durante la veglia ospitata nella chiesa del Santissimo Salvatore in contemporanea con il concerto di Marilyn Manson e Rob Zombie.

....

Ma a finire nel ruolo dei cattivi non ci sono solo Manson e Zombie ma tanti altri. La lista stilata da Don Giulio è lunga e include dei veri e propri «mostri sacri» del rock. «Il rock è di per sé una musica discorsiva e dannata – ammonisce il prete –. In Imagine di John Lennon, nelle canzoni dei Led Zeppelin, dei Pink Floyd, dei Queen e in Hotel California degli Eagles ci sono chiari riferimenti o tracce nascoste che esaltano il Male». Tra gli artisti «maledetti» anche un insospettabile, come Tiziano Ferro. «Andate ad ascoltare la sua Indietro…da lui non me lo aspettavo», commenta rammaricato Don Giulio, che ha anche imbracciato una chitarra per strimpellare alcuni dei pezzi incriminati.

 

http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cronaca/2012/13-dicembre-2012/i-satanisti-sono-peggio-mafiosi-veglia-anti-marilyn-manson-2113138534724.shtml

 

 Il sacerdote ha terminato dicendo  «l’intenzione non è quella di andare contro nessuno,"  dare semplicemente del "peggio di terrorista e mafioso" a qualcuno evidentemente non è dare contro. Non osiamo pensare a cosacorrisponda  quest' ultima azione  .

L' articolo non dice se il religioso abbia espresso al sua opinione anche sulla  ex moglie Dita von Teese del satanico rock singer

 

 

 

Un Vescovo : gli indemoniati come i down

Monsignor Gemma, vescovo esorcista , ha dichiarato durante la trasmissione "Vade retro" diffusa dalla rete di proprietà della Conferenza Episcopale Italiana che gli indemoniati si comportano come i Down. Non è l' inizio di uno sketch satirico di Corrado Guzzanti , è proprio successo

www.repubblica.it/cronaca/2012/06/30/news/monsignor_gemma_i_down_come_indemoniati_arriva_protesta_contro_le_affermazioni_del_vescovo-38268187/

ANCORA Mons GIACOMO BABINI pedofili meglio di gay

C' eravamo già occupati di monsignor Babini Vescovo emerito (sic!) di Grosseto quando aveva chiesto ai cattolici non far cantare Elton John perchè gay.

Ultimamente è tornato agli onori (si fa per dire) delle cronache per aver sostenuto che molto più di Berlusconi pecca Vendola , in quanto il priomao va a donne. Lo scambio pecunario sottostante non preoccupa il prelato .

Ma in realtà l' argomento sembra ossessionare l' emerito, infatti un pò di tempo prima aveva sostenuto che il massimo dell' abiezione sono i preti gay,e sembra rimpiangere che " In altre epoche finirebbero in una gattabuia a meditare sulle loro perversioni". non disdegnando di aggiungere : è meno grave la pedofilia .

Sullo scandalo dei preti pedofili  l' emerito ha un sospetto : che sia tutto un complotto sionista . (sembra però che dopo abbia smentito)

Ed infine una pacata recenzione del film di Moretti  : tirategli i pomodori a quella mezza tacca di Moretti

http://www.repubblica.it/politica/2011/09/26/news/vescovo_emerito_grosse...

http://www.pontifex.roma.it/index.php/interviste/religiosi/5023-i-sacerd...

http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo478808.shtml

http://www.pontifex.roma.it/index.php/interviste/religiosi/7262-moretti-...

Ex arcivescovo di Pescara assolto per prescrizione

E ancora non c'è il processo breve

 

PESCARA. Non si procederà, per intervenuta prescrizione del reato di truffa ai danni dello Stato, nei confronti dell'arcivescovo emerito di Pescara-Penne, Francesco Cuccarese e del manager Luciano Carrozza, sotto inchiesta per la vicenda relativa alla realizzazione della Cittadella della Carità, a Pescara. Lo ha stabilito il Gup del Tribunale adriatico.

Secondo l'accusa, l'ex arcivescovo, attraverso la sua Fondazione 'In Veritate e Caritate', avrebbe parzialmente ricevuto fondi dalla Regione per la costruzione dell'opera senza tutti i passaggi obbligati. Cuccarese e Carrozza (in qualità di gestore della fondazione), erano stati indagati nell'ambito dell'inchiesta sull'Urbanistica e gli accordi di programma al Comune di Pescara, portati avanti tra il 2006 ed il 2008, che vede attualmente imputate 20 persone, tra cui l'ex sindaco Luciano D'Alfonso (Pd), il suo ex braccio destro, Guido Dezio, l'attuale presidente del comunale Licio Di Biase (Udc), i consiglieri Vincenzo Dogali (Udc) e Giuseppe Bruno (Pescara Futura), oltre a funzionari comunali ed ai costruttori Aldo Primavera, Lorenzo Di Properzio, Michele D'Andrea, Dino e Giovanni Di Vincenzo, Alfio Sciarra e Franco Lamante.

Le posizioni di Cuccarese e Carrozza, in occasione della chiusura delle indagini, erano state stralciate dalla procura per essere trattate in un fascicolo a parte.
 

© RIPRODUZIONE

http://ilcentro.gelocal.it/pescara/cronaca/2011/03/31/news/urbanistica-prescrizione-per-l-ex-arcivescovo-cuccarese-3821399

 

Coppie di fatto alla consulta vince l' Emilia Romagna

Sempre a proposito di alti prelati ricorderete quando il cardinal Caffarra aveva definito "devastanti" le conseguenze

di un articolo della finanziaria della Regione Emilia Romagna che estendeva talune provvidenze sociali alle coppie di fatto

http://bologna.repubblica.it/dettaglio/dico-allemiliana-la-regione-approva-la-curia:-non-ce-nulla-da-aggiungere/1811803

Ovviamente il governo Berlusconi corse in aiuto impugnando presso la Corte Costituzionale il provvedimento

Oggi la consulta, oltre al più fragoroso dispositivo sul legittimo impedimento , ha dato ragione all' amministrazione Errani

ASCA) - Bologna, 13 gen - La Corte costituzionale, rigettando il ricorso del Governo contro l'articolo 48 della finanziaria  regionale del 2009, ha avvallato la correttezza della norma regionale che garantisce l'accesso ai servizi pubblici a tutte le persone senza disparita' di trattamento ne' discriminazioni.Lo spiega una nota della Regione.

Secondo la Consulta la Regione Emilia Romagna  non ha invaso alcuna competenza esclusiva dello Stato, ne' tentato di definire una nuova disciplina delle forme di convivenza diverse dal matrimonio , ma solo richiamato principi di uguaglianza e di non discriminazione peraltro gia' previsti dalla Costituzione e dai Trattati europei.

 

http://www.asca.it/news-E__ROMAGNA_FINANZIARIA__REGIONE__CONSULTA_RIGETTA_RICORSO_GOVERNO-981526-POL-1.html